Sisma centro Italia

SISMA - PROROGA SOSPENSIONE RATE MUTUI - Legge 24 luglio 2018, n. 89. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 maggio 2018, n. 55, recante ulteriori misure urgenti a favore delle popolazioni dei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria, interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016 e relativo testo coordinato.

Si informano i nostri clienti che sulla Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n.170 del 24-07-2018 sono stati pubblicati la Legge 24 luglio 2018, n. 89 e il testo del relativo Decreto-legge 29 maggio 2018, n. 55 coordinato. Il provvedimento modifica, tra l'altro, l'art. 2-bis, comma 22, terzo periodo, del Decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla Legge 4 dicembre 2017, n. 172.

Al riguardo l’articolo 1 bis comma 1 del decreto proroga al 31 dicembre 2020 i termini di sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti per le attività economiche e produttive nonché per i soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta a seguito degli eventi sismici del 2016 nel Centro Italia.

E’ altresì prorogato al 31 dicembre 2021 il termine di sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti previsto dallo stesso articolo 14, comma 6 secondo periodo “con riguardo alle attività economiche nonché per i soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione inagibile o distrutta localizzate in una “zona rossa” istituita mediante apposita ordinanza sindacale”.

La domanda di sospensione dovrà essere presentata entro il 31 ottobre  2018 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n° 445 e successive modifiche ed integrazioni, che attesti il danno subito. In tale sede il cliente potrà scegliere tra la sospensione dell’intera rata o quella della sola quota capitale.

La sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria. La scadenza del mutuo sarà prorogata per un periodo corrispondente a quello della sospensione.

Ai fini della ripresa del pagamento delle rate del finanziamento si effettuerà poi un ricalcolo del piano di ammortamento in precedenza pattuito tenendo conto del debito residuo in quota capitale e interessi maturati durante il periodo di sospensione. Le rate così ricalcolate saranno sempre comprensive di una parte in quota capitale e di una parte in quota interessi calcolate secondo i termini e le modalità previste nella richiesta di finanziamento.

Nel periodo di sospensione, non si procederà con alcuna segnalazione di insoluto alle Banche Dati relativamente e limitatamente alle rate sospese.

L’importo complessivo sospeso dovrà essere restituito alla Banca senza spese e/o oneri aggiuntivi ulteriori rispetto agli interessi pattuiti.

Per maggiori informazioni, nonché per richiedere la sospensione delle rate o un nuovo finanziamento, è possibile rivolgersi al proprio Family Banker.

 

I clienti già coinvolti con i quali si è già concordata una sospensione delle rate del mutuo saranno direttamente contattati nei prossimi giorni dalle strutture interne della sede al fine di formalizzare l’adesione alla proroga proposta.